presentazione
attività
collezioni
biblioteca
museo
pubblicazioni
produzione artistica
DANTE
I FRATI
UTILITÀ
CONTATTI
PHOTOGALLERY
il centro > collezioni
  collezioni  
  Fin dalla sua fondazione il Centro Dantesco ha curato la raccolta, accanto alla tomba con il Dante morto, di ogni tipo di testimonianza della continua vitalità del suo pensiero e della sua opera.
Si è andata così via via costituendo una specialistica Biblioteca il cui nucleo è costituito da alcuni manoscritti danteschi del sec. XIV e dalle più antiche edizioni a stampa (secc. XV-XVII) delle opere dell’Alighieri, tra cui l’editio princeps della Comedia impressa a Foligno l’11 aprile 1472. La raccolta comprende poi la maggior parte delle edizioni, italiane e straniere, pubblicate dal 1700 ad oggi, le diverse Lecturae Dantis, la serie dei maggiori periodici danteschi e gran parte delle molteplici monografie sulle opere e la fortuna del sommo Poeta.
Accanto a questo fondo (stimato oggi in circa 14.000 tra volumi e opuscoli e oltre 2.500 altri documenti) si sta progressivamente costituendo una significativa sezione dedicata alle principali opere su san Francesco, il francescanesimo e, più in generale, sulla cultura e la spiritualità medievale. È del 1997 la donazione da parte di Maria Manuela Farneti e dei figli Leone e Maria Paola Pachucki della biblioteca e dell’archivio di famiglia, in cui sono raccolte importanti memorie del letterato bertinorese Paolo Amaducci (1856-1946), convinto sostenitore della dipendenza della Commedia dal De quadragesima et quadraginta duabus Hebraeorum mansionibus di san Pier Damiani.
Ricca poi la raccolta artistica comprendente opere di grafica ma soprattutto medaglie e piccola scultura in gran parte acquisite in occasione della Biennale Internazionale Dantesche.
Tra il materiale “minore” (francobolli, figurine, distintivi e oggetti vari), particolare interesse merita la raccolta di circa 2.000 cartoline. Si tratta di materiale relativo alla interpretazione artistica della Commedia come anche all’iconografia del suo Autore, a luoghi, monumenti e memorie in diverso modo concernenti il Poeta e la sua fortuna, a particolari celebrazioni anniversarie, commemorative, ma anche “politiche” e satiriche.

 
     
PRIMO PIANO
Torna alla homepage Torna alla homepage Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna