CONTATTI
PHOTOGALLERY
 
homepage > notizie
  Incanto Dante, Canti VII - VIII - IX dell'Inferno, ore 18,30 a San Francesco di Ravenna  
 
Incanto Dante. III incontro di Lettura della Divina Commedia nella Basilica di San Francesco di Ravenna domenica 11 marzo ore 18,30. Saranno letti ed illustrati i canti VII - VIII - IX dell'Inferno.
Canti VII – VIII – IX dell'Inferno - Breve sintesi
Canti VII

Il quarto cerchio, custodito dal demone Pluto, il dio greco della ricchezza, è quello degli avari e dei prodighi, condannati a spingere col petto pesanti macigni. Dante e Virgilio giungono poi alla palude dello Stige, in cui sono immersi iracondi ed accidiosi. I primi si percuotono e mordono a vicenda, i secondi giacciono sotto la superficie.
AVARI E PRODIGHI
Gli avari e i prodighi spingono macigni, simbolo della ricchezza, tra due schiere opposte rimproverandosi a vicenda.
Legge del contrappasso: in vita si affiancarono per amor del denaro, ora spingono macigni, simbolo della ricchezza.
Non riconobbero le proprie colpe: molti erano vescovi e papi che si interessarono alla ricchezza.
Canto VIII
Costeggiando la riva dello Stige Dante e Virgilio giungono ai piedi di una torre dalla cui sommità partono segnali luminosi. Questi si rivelano essere avvisi di richiamo per Flegiàs, il traghettatore infernale che, reprimendo l'ira, accetta i due sulla sua barca. Durante la navigazione uno degli iracondi puniti nella palude si rivolge con arroganza a Dante: è il fiorentino Filippo Argenti che, dopo un breve scambio di battute ingiuriose, tenta di assalire la barca ma viene ricacciato da Virgilio nel fango dove è straziato dagli altri dannati. Infine la barca approda davanti alle mura della città di Dite, rosseggiante per il fuoco, protetta da uno stuolo di diavoli che impediscono a Dante e a Virgilio l'ingresso nel basso Inferno. Neppure le parole di Virgilio riescono a persuadere i diavoli a piegarsi alla volontà divina: di fronte alla loro ostilità e allo sconforto della sua guida Dante è preso dal terrore, anche se Virgilio lo rassicura e gli preannuncia l'arrivo di qualcuno in grado di aiutarli.
Canto IX
Sulle torri delle città appaiono le Erinni, che chiamano Medusa affinché tramuti Dante in pietra. Interviene però un messo celeste, che apre le porte di Dite e fa entrare i poeti. All'interno delle mura, gli eretici giacciono in sepolcri infuocati posti in una pianura sconfinata.
L'immagine può contenere: una o più persone e sMS
torna alla home archivio notizie
 
PRIMO PIANO
Torna alla homepage Torna alla homepage Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna