CONTATTI
PHOTOGALLERY
 
homepage > agenda
  Dante entra in fabbrica  
 
8 novembre - 31 dicembre 2017 - Montone (PG)


di Fabrizio Ricci 07 novembre 2017 ore 18.45

Alla Sea Camper di Montone (Pg), azienda metalmeccanica con
200 dipendenti, su iniziativa di Spi Cgil e Fiom la sala mensa si
trasforma in teatro e i lavoratori ascoltano e analizzano due canti
dell'Inferno che affrontano il tema della corruzione
"Così di ponte in ponte, altro parlando che la mia
comedìa cantar non cura, venimmo; e tenavamo il colmo, quando restammo
per veder l'altra fessura di Malebolge e li altri pianti vani; e vidila
mirabilmente oscura". Inizia così il 21esimo canto dell'Inferno della
Divina Commedia di Dante Alighieri, canto dedicato, come il successivo,
ai "barattieri", ovvero politici e funzionari pubblici corrotti,
che scontano la loro pena immersi nella pece bollente, torturati da
terribili diavoli alati, i "Malebranche". Un canto che affronta
dunque tematiche di grande attualità, che peraltro interessavano
profondamente lo stesso Dante, esiliato da Firenze e condannato al rogo
proprio con l'accusa (che gli storici ritengono falsa) di baratteria.
Non è un caso dunque che proprio questi canti siano stati scelti per un
esperimento originale: portare la poesia di Dante in fabbrica,
trasformando una normale assemblea sindacale in un appuntamento dal
forte valore culturale e sociale.
Dante è entrato in fabbrica martedì 7 novembre alla Sea Camper di
Montone, piccola località dell'Alta Valle del Tevere, in provincia di
Perugia. Una fabbrica importante, che come dice il nome produce camper
con circa 200 dipendenti e dove il lavoro non manca. Qui la Cgil, in
particolare la lega Spi dell'Alto Tevere in collaborazione con la Fiom,
ha pensato di sperimentare questa nuova modalità di incontro con
lavoratrici e lavoratori. Così, due giovani e bravi attori,
Elena Galvani e Jacopo Laurino (Stradanova Slow Theatre), hanno piazzato
leggii e amplificatori in sala mensa e hanno cominciato a raccontare e recitare il sommo poeta davanti ad oltre cento lavoratori.
Il risultato è stato notevole. "Portare la parola di Dante in un
luogo di lavoro è stata per noi un'esperienza molto bella – ci dice
l'attrice Elena Galvani – era la prima volta che ci capitava, ma
speriamo di poterlo rifare perché è stato davvero arricchente". Da parte
loro i lavoratori, o almeno una buona parte, hanno apprezzato la
novità: "È molto bello che in fabbrica si possa fare cultura –
sottolinea Alex, un giovane operaio metalmeccanico – perché se ne è
persa l'abitudine, ma ce n'è bisogno, noi lavoratori ne abbiamo grande bisogno. Per questo spero che questa esperienza si possa replicare in futuro".
Soddisfatta naturalmente anche Patrizia Venturini, segretaria della
Lega Spi Alto Tevere, che ha organizzato e promosso l'evento: "Abbiamo
voluto portare la poesia e i concetti di Dante in fabbrica perché la poesia fa parte della vita e Dante della nostra storia
– afferma la sindacalista – e anche perché con linguaggi poetici,
seppure così complessi, si possono comprendere meglio le cose del
presente. Pensiamo – conclude Venturini – che anche questo sia un modo
di fare sindacato, pensionati e lavoratori insieme".
 
 
     
     
    archivio agenda torna alla home elenco agenda
     
    PRIMO PIANO
    Torna alla homepage Torna alla homepage Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna