Corinaldo, “Eco di Dante”: il 23 aprile 2021 secondo appuntamento

La serata in diretta streaming sulla pagina Facebook “Città di Corinaldo” è dedicata alle donne della Divina Commedia e rientra nell’ambito dell’iniziativa promossa per i 700 dalla morte del sommo poeta

 

CORINALDO (AN) – Venerdì 23 aprile 2021, alle ore 21.00, in diretta streaming sulla pagina Facebook “Città di Corinaldo”,si terrà una serata dedicata alle donne della Divina Commedia dal titolo “La bocca mi baciò tutto tremante- Francesca e le donne della Divina Commedia”.

E’ il nuovo  appuntamento con l’ “Eco di Dante”, iniziativa ideata dal Comune di Corinaldo in collaborazione con l’Unitre nell’anno dedicato all’anniversario dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri. Un percorso culturale giunto al suo secondo evento che si riallaccia al primo attraverso il poetico dialogo tra Dante e Francesca da Rimini.

Tre le donne selezionate : Francesca da Rimini, Pia dei Tolomei e Beatrice. La scelta, che ricalca il ritmo ternario della commedia, pone l’attenzione su diversi aspetti della Commedia anche attraverso l’utilizzo di un linguaggio innovativo che fa dialogare la lettura di alcuni brani del testo dantesco, curate dall’Unitre di Corinaldo (nelle persone di Fabio Ciceroni, Loredana Caverni, Marisa Galli, Clara Montironi e Italo Pelinga), con alcuni monologhi teatrali che daranno voce in prima persona a queste donne attraverso l’interpretazione di Laura Pettinelli. Gli interventi, tra cui quello musicale di Giovanni Frulla, verranno introdotti da alcune suggestioni a cura di Alessandro Moscatelli e intervallati dalle coreografie del GDO-Gruppo Danza Oggi; la compagnia di danza, residente nel teatro comunale “Goldoni” di Corinaldo, danzerà in contesti urbani su diversi stili musicali che sottolineeranno altri aspetti caratteristici delle tre donne. I protagonisti della performance coreografica sono Elisabetta Senni, Monica Castorina, Magdalena Vojcik e Stefano Otoyo sotto la direzione artistica di Patrizia Salvatori.

Un evento articolato che si pone l’ambizioso obiettivo di dare suggestioni sulla Divina Commedia e allo stesso tempo far riflettere sulla figura della donna e sulla complessità psicologica del mondo femminile. La manifestazione si colloca nel solco delle celebrazioni dei 700 anni dalla morte del sommo poeta e, nel caso della figura femminile, è inserita in una sensibilità particolare da parte del Comune di Corinaldo che si sostanzierà a breve nell’apertura del centro studi dedicato a Santa Maria Goretti.