incontro di studio a Roma

Cultura: la fortuna di Dante nel mondo, Dopo aver confrontato la fortuna critica di Dante nel corso dei secoli, dal Trecento al Duemila, e compiuto ampi e significativi sondaggi nelle piu’ difformi culture d’Europa, il Comitato di Roma della Societa’ Dante Alighieri – con il supporto dei maggiori dantisti viventi – estende gli orizzonti della propria ricerca: America Latina, Estremo Oriente, Stati Uniti, cultura afroamericana – che tanto frequentemente ha fatto ricorso alle stimolazioni dantesche a difesa della propria identita’ -, e ancora l’Africa nera – un continente in continua, rapida fase di riscatto culturale -, il Medio Oriente – soffocato e devastato da conflitti che certamente la parola poetica dantesca potrebbe servire a razionalizzare -, l’area brasiliana – le cui radici culturali richiamano all’universo occidentale, a cominciare dalla cultura portoghese -, e infine l’Argentina – uno spazio vasto e sterminato, ricco di reattivita’ intuitiva e di passione umana e civile.


Una globalita’ di stimoli e di percezioni dunque, che serviranno a offrire un quadro ancora piu’ compiuto e completo della fortuna critica – e non solo – della ineguagliabile parola dantesca. Il ciclo ”Dante nel mondo” – curato da Walter Mauro, critico letterario, e Lucia Caravale, Vicepresidente del Comitato – si svolgera’ presso la Sede Centrale della Dante a Roma e si aprira’ ufficialmente martedi’ 19 ottobre alle ore 17 con la relazione di Matteo Lefe’vre del Dipartimento di Studi Filologici, Linguistici e Letterari dell’Universita’ di Roma Tor Vergata, studioso di lingua e letteratura italiana e spagnola, su ”Dante e l’America ispanica”.

Allegati