/Fra Odisseo e la Divina Commedia, le rappresentazioni negli ipogei

Fra Odisseo e la Divina Commedia, le rappresentazioni negli ipogei

30 GIUGNO - 31 AGOSTO 2019   |   TARANTO

 

Fra Odisseo e la Divina Commedia, le rappresentazioni negli ipogei

 

“Odisseo dopo l’Odissea” e “Quinci rivolse inver’ lo cielo il viso” appuntamenti di grande effetto, in Città vecca

È stata presentata stamane, martedì, al passo di ronda (via Cava), la rassegna artistica delle associazioni Nobilissima Taranto e Discoverart che caratterizzeranno l’estate in Città vecchia. Luoghi delle rappresentazioni saranno quelli più significativi del centro storico, fra i quali quelli della Taranto sotterranea. Ne hanno parlato Nello De Gregorio di Nobilissima Taranto e Morris Franchini di Discoverart; presente alla conferenza stampa (coordinata dalla collega Gabriella Casabona) anche il visual-art Gianluca De Robertis.

S’inizierà domenica 30 giugno con “Odisseo dopo l’Odissea”: l’appuntamento è alle ore 18.15 davanti alle colonne doriche da dove prenderà il via la rappresentazione itinerante. “Quella di Ulisse-Odisseo è il viaggio per antonomasia – ha detto Nello De Gregorio di Nobilissima Taranto – che è stato descritto dai grandi letterati, come faremo anche noi utilizzando test di Dante, Kavafis, Kazantzakis e Joyce. In questa nostra iniziativa presenteremo anche il racconto fatto da Pascoli, che immagina il ritorno dell’eroe nei luoghi della sua avventura, dove purtroppo non ritroverà più nulla “perchè ciò che è passato non esiste più se non solo nella nostra memoria come un sogno”. La morte infine lo coglierà tra le braccia di Calipso, che gli aveva promesso l’immortalità. Due grandi ipogei ospiteranno i momenti più importanti della rappresentazione: il “putridarium” sottostante palazzo Spartera e quello che presenteremo per la prima volta e che una bella sorpresa per tutti. L’interpretazione sarà affidata a Giovanni Guarino, Santi Spanna e Simona Cucci; canterà il soprano Valentina Colleoni con le musiche eseguite al violino da Paola Vania”.

Date le numerose prenotazioni pervenute, l’opera sarà replicata il 6 luglio.

S’intitola invece “Quinci rivolse inver’ lo cielo il viso” il ciclo di letture teatralizzate della Divina Commedia nei luoghi magici della Città vecchia, in cui (ha spiegato Morris Franchini di Discoverart) si coniugherà la divulgazione con il coinvolgimento emozionale dei partecipanti. L’appuntamento è per il 14, 20, 27 luglio e il 4 agosto, con raduno alle ore 18.30 in piazza Fontana. Nell’interpretazione si alterneranno di volta in volta eccellenze artistiche del territorio, fra le quali Giovanni Dilonardo, Santi Spanna, Franco Peluso, Marianna Montagnolo e Adriana Capuano. In ogni rappresentazione si seguirà lo schema costituito da visita guidata, esegesi e rappresentazione del brano. La riuscita dell’evento sarà garantita dall’esperienza decennale nel settore dell’associazione Discoverart (già Iperuranio). Il tutto, per un format che potrà essere immesso su mercati più ampi, anche a livello internazionale.

Infine fra le manifestazioni che avranno luogo in Città vecchia va citata “Ipogei sotto le stelle” che Nobilissima Taranto, come ogni anno, terrà tutti i mercoledì d’agosto dalle ore 18 alle 23.