Non finiscono le soddisfazioni per il Polo Liceale Rossano, diretto
dalla dirigente prof.ssa Adriana Grispo.Grande è l’orgoglio,infatti,
per le classi IV A e V B del Liceo Classico San Nilo, arrivati primi
alla IV edizione del Concorso Nazionale Dantesco “Io Mi dilettava di guardare…“,
agone multimediale a premi, promosso dal Centro Dantesco, in
collaborazione con “Dante in Rete” . La cui manifestazione conclusiva e
di premiazione, si è tenuta a Ravenna nei giorni 18 e 19 aprile scorso,
nelle Giornate Dantesche. Ravenna la perla dell’arte bizantina, che
accoglie le spoglie del padre della lingua italiana, ha accolto e
premiato i giovani allievi rossanesi delle due classi (un gruppo in
rappresentanza delle stesse), accompagnati dalla prof.ssa Marilena De
Sanctis, stimata docente, che nello storico Liceo rossanese, attraverso
la “Lectura Dantis” ha stillato, nei giovani allievi, la passione per il
sommo poeta.

E con la fierezza che contraddistingue la gioventù sana e caparbia,
gli allievi vincitori del Liceo di Rossano, la città bizantina del Sud
hanno piacevolmente colpito i giudici dell’agone letterario.Il video
inerente il tema del Concorso: “Io mi dilettava di guardare…” (Pg., X, 97), attraverso cui narratori hanno sviluppato, in breve, il tema politico nella Commedia,
è stato prodotto nella Sala Preconsiliare del Comune di Ravenna,
accolti e salutati dalle autorità cittadine. Il Sindaco dott. Michele De
Pascale,l’Assessore alla Cultura dott.ssa Elsa Signorino, da
S.E.Arcivescovo di Ravenna e Cervia Monsignor lorenzo Ghizzoni, dal
Direttore del Centro Dantesco Padre Ivo Laurentini, del Presidente della
Società Dante Alighieri sezione di Ravenna, dott. Gavici, e dai
genitori del giovane Andrea Cheves, prematuramente e tragicamente
scomparso, alla cui memoria è dedicato il premio.

POLO LICEALE ROSSANO, GLI ALLIEVI ELOGIATI DAL SINDACO DI RAVENNA E DALL’ASSESSORE

L’evento, promosso dal Centro Dantesco in collaborazione con “Dante
in Rete” è stato patrocinato, tra gli altri, dal Comune di Ravenna,
dalla Cassa di Risparmio di Ravenna, all’Arcidiocesi di Ravenna-Cervia,
dell’ADI (Associazione degli Italianisti). La giuria, presieduta dal
prof. Giuseppe Ledda dell’Università di Bologna, era composta, tra gli
altri, dalla prof.ssa Manuela Mambelli, da Padre Laurentini del Centro
Dantesco, dal dott. Franco Gavici, dal regista Franco Palmieri, curatore
di “Oltre Dante”, che è la lettura integrale della Divina Commedia che
ha luogo a Ravenna nei primi giorni di settembre.

Il primo cittadino ravennate poi ha sottolineato l’importanza di
questo premio, non solo perché mette al centro Dante, patrimonio della
città di Ravenna. Soprattutto perché pone al centro i giovani, ai quali
Dante, attraverso la sua opera, offre numerosi spunti di riflessione su
elementi della vita.

Il Sindaco si è complimentato con gli studenti per i lavori prodotti.
Rivolgendo un particolare apprezzamento ai vincitori del I premio, gli
studenti del Liceo Classico “San Nilo” di Rossano, che testimonia quanto
Dante sia “poeta Italiano”, apprezzato e studiato oltre i confini in
cui la sua opera è stata generata. L’Assessore alla Cultura dott.ssa
Elsa Signorino, e l’Arivescovo di Ravenna, unendosi ai complimenti e
all’encomio del Sindaco, si soffermano entrambi sulla comune matrice
culturale bizantina che lega la città di Ravenna e di Rossano. Subito
dopo, nella sala Almagià, anche alla presenza di numerose scolaresche,
sono stati premiati i vincitori del Concorso e proiettai i video
prodotti.

Nel pomeriggio agli studenti è stata offerta l’opportunità di
visitare gratuitamente, guidati da docenti di Storia dell’Arte, numerosi
monumenti della città di Ravenna.

POLO LICEALE ROSSANO: ALLE SPERIMENTAZIONI SULLA COMMEDIA ALTRO SUCCESSO DEI LICEALI ROSSANESI

Alle giornate studio incentrate su Dante,che ha visto la presenza di
molti Licei italiani, gli studenti rossanesi si sono distinti anche in
un’altra iniziativa che prevede lo studio ampio e approfondito della
Commedia. Un progetto per una nuova didattica. Nel cui gruppo di
sperimentazione è inserita la prof.ssa Marilena De Sanctis con le sue
classi liceali. E con l’uso di PowerPoint, infatti, software come
Prezi, per il movimento, zoom e le relazioni spaziali hanno preso via le
presentazioni degli allievi.

In “Dante come lo vorrei /2”, organizzato dall’Associazione degli Italianisti Italiani (sezioni scuola e università) e in particolare dal gruppo di lavoroDant&amp,Noi”, patrocinato
dal Dipartimento di Beni Culturali dell’Università, gli studenti del
Liceo Classico “S. Nilo” si sono resi protagonisti. Presentando in
sintesi il lavoro svolto durante questo anno scolastico che si
concluderà nel prossimo anno, sull’aspetto politico nella Commedia.A chiudere la proficua ed intensa giornata, un flash mob, segno dei tempi social, al grido delle terzine più note della Divina.

Ai giovani che devono continuare a sognare e credere in un futuro migliore, l’augurio con le parole del Vate “Se tu segui tua stella non puoi fallire a glorioso porto…”.

Allegati