Fratello di Giuseppe nato a Roma nel 1796 si dedicò all’arte incisoria firmando monete e medaglie fin dal 1823. Lavorò alla Zecca di Roma sotto Pio VIII, Gregorio XVI e Pio IX. Nel 1846 iniziò, in collaborazione con Pietro Girometti, una serie iconografica di medaglie in onore di uomini illustri italiani, successiva a quella che all’inizio del secolo aveva realizzato T. Mercandetti. Ritiratosi nel 1852 a Montepulciano (Siena), ivi morì nel 1869.(cfr. Lorioli Vittorio e Conti Paolo Fernando, Medaglisti e incisori italiani dal Rinascimento a oggi, Cooperativa grafica bergamasca 2004)