Artista di cui non si hanno al momento notizie, ma di cui si conserva all’interno della raccolta del Centro Dantesco una scultura che serve da calamaio per l’inchiostro.