Nato a Trieste nel 1865 e ivi morto nel 1943. Studiò alle Accademie di Vienna e Monaco assieme ai pittori Veruda e Grunhut. Vinse il premio Rittmayer grazie al quale si perfezionò per due anni a Roma. Scrisse la “Storia del Circolo Artistico di Trieste”. Operò in stili e tecniche diversi, mantenendo sempre un’impronta impressionista pregna della lezione verista. Nella grafica sono esempio indicativo le acqueforti che illustrano gli interni delle Grotte di San Canziano.