Autore/i
(1908/1990)

Nato a Seano, in provincia di Firenze il 31 ottobre 1908. Autodidatta, seguì la sua vocazione di scultore incoraggiato da Ardengo Soffici. La sua prima partecipazione ad una mostra collettiva è del 1927. Ha esposto poi alla Biennale di Venezia, alla Quadriennale di Roma ed a numerose manifestazioni all’estero (Messico, Giappone, USA). A firenze, è stato insegnante all’Accademia di Belle Arti. Ha modellato diverse medaglie. E’ morto nel novembre del 1990.(cfr. Lorioli Vittorio, Medaglisti e incisori italiani del XX secolo, Litostampa Istituto Grafico 1995)

Datazionesec. XX, fine/inizio
Tipomedaglione
Materialegesso
Descrizione

D/ Anepigrafo, nel campo, figura di uomo sdraiato per terra con serpente avvinghiato, R/ Liscio.

Iscrizioni
dritto, in basso QuintoM
MisureØ 200 mm
Peso450 gr
Inventario
1267
Conservazionebuono
Acquisizionedonazione
Osservazioni

L’episodio descritto nel medaglione probabilmente si riferisce al XXV canto dell’Inferno dove i dannati subiscono una metamorfosi in serpenti.