Autore/i
(1918/1981)

Nato a Buia in provincia di Udine nel 1918. Dopo la maturità artistica, fu ammesso alla R. Accademia di Belle Arti di Roma, che però non frequentò fino alla fine, avendo nel frattmpo ottenuto una borsa di studio per il corso biennale alla Scuola d’Arte della Medaglia. In questa stessa sede sarebbe tornato come insegnante, per un decennio, dal 1968. Al compimento degli studi rientrò in Friuli e si dedicò all’insegnamento del disegno. Nel 1950 fu assunto alla Zecca e si deidcò all’incisione, attività alla quale si era specificamente preparato. Nel 1954 divenne incisore capo. Per la sua opera di incisione di monete, oltre ai conii per lo Stato Italiano, si ricordano le incisioni per la monetazione della Città del Vaticano a partire dal 1966, e quelle del 1972 e alcune serie successive per la Repubblica di San Marino. Come medaglista esplicò la sua abilità in molteplici tematiche. Su commissioni private realizzò moltissime medaglie per il Friuli. Presente nelle più importanti esposizioni nazionali ed internazionali di settore. E’ morto nel 1981.(cfr. Lorioli Vittorio, Medaglisti e incisori italiani del XX secolo, Litostampa Istituto Grafico 1995)

Datazione1968
Tipomedaglia
Materialeargento
Descrizione

D/ Nel campo, veduta dell’edificio della Zecca di Stato, intorno la riproduzione delle monete della Repubblica Italiana (vedi foto), con le 500 lire di Dante (ore 17), R/ Liscio.

Iscrizioni
dritto, entro cartiglio LA ZECCA ROMA
dritto, in basso MONASSI
dritto, all'interno delle riproduzioni delle monete vedi foto
MisureØ 60 mm
Peso90 gr
Bibliografia
Donati D. 2002, pp. 178-179 n° 185
Inventario
1288
Conservazionebuono
Acquisizioneacquisto