Autore/i
(1848/1912)

Nato a Lucca nel 1848. Incisore, orafo, medaglista, cesellatore, scultore. Diplomato all’Istituto di Belle Arti di Lucca, membro onorario dell’Accademia di Belle Arti di Firenze, socio dell’Accademia Raffaello di Urbino. Ragguardevole la sua attività, nel campo della monetazione, come capo incisore della Zecca italiana nel 1906 sino alla sua scomparsa. E’ stato anche apprezzato insegnante di incisione alla Scuola dell’Arte della Medaglia dal 1909 al 1912. Autore di monumenti e busti di marmo, di numerose medaglie commemorative, oggetti sacri e di fine oreficeria. E’ morto a Roma nel 1912.(cfr. Lorioli Vittorio, Medaglisti e incisori italiani del XX secolo, Litostampa Istituto Grafico 1995)

Datazione1999
Tipomedaglia
Materialebronzo
Tecnicaconiazione
Editore/Stampatore/Incisore
Descrizione

D/ Nel campo, figura del Poeta laureato di tre quarti a destra, con il mano un libro (la Commedia) e braccio destro aperto, alle spalle montagna con uomini (Purgatorio) e sulla destra veduta monumentale di una città, R/ Nel campo, iscrizione.

Iscrizioni
dritto, all'interno del libro NEL / MEZZO / DELCA / MINO
rovescio, nel giro in alto Centro Pio Rajna
rovescio, nel campo In ricordo del Convegno / "Per correr miglior acque..." / Bilanci e prospettive / degli studi danteschi / alle soglie del nuovo millennio / (Verona - Ravenna 25-29 ott. 1999) / INA / Assitalia
rovescio, in basso SIPZ
MisureØ 64 mm
Peso110 gr
Note storiche-critiche

Medaglia coniata da parte del Centro Pio Rajna e INA Assitalia in occasione del Convegno “Per correr miglior acque…” del 1999.

Inventario
2290
Conservazionebuono
Acquisizionedonazione
Osservazioni

L’immagine sul dritto della medaglia è ripresa dall’affresco di Domenico di Michelino del 1465 presente nella basilica di Santa Maria del Fiore a Firenze e intitolata Dante e il suo poema.