Autore/i
(sec. XX)

Artista di cui non si hanno notizie, di lui si conserva all’interno della raccolta del Centro Dantesco un medaglione.

Datazionesec. XX
Tipopiatto
Materialebronzo
Tecnicaa fusione
Descrizione

D/ Nel campo, un uomo e una donna che volano in cielo abbracciati, la donna ha una ferita nel petto da cui cadono gocce di sangue, in alto testa di diavolo con ali spiegate cadenti nel giro del medaglione, in basso iscrizione, R/ liscio.

Iscrizioni
dritto, in basso entro cartiglio AMOR CHE A NVLLO AMATO AMAR PERDONA / MI PRESE DA COSTVI PIACER SI FORTE / CHE COME VEDI ANCOR NON M'ABBANDONA / DANTE INFERNO CANTO V
MisureØ 300 mm
Peso1750 gr
Inventario
2623
Conservazionebuono
Osservazioni

La rappresentazione nel centro del piatto è ripresa dall’illustrazione di Gustave Doré al V canto dell’Inferno dantesco.