Autore/i
(sec. XX)

La scultrice Jucci Ugolotti, allieva di Marinoo Marini e Alik Cavaliere dal 1965 al 1969, anni in cui ha concluso gli studi a Brera, discutendo una tesi di argomentazione plastica col critico Guido Ballo, ha presentato nel 1980 la sua prima mostra personale presso la Galleria Niccoli di Parma.Per le sue caratteristiche plastico strutturali si è orientata verso la realizzazione di opere pubbliche, sempre prediligendo le grandi dimensioni: il Monumento ai Caduti di Sissa (PR), il Portale del Sacrario dei Caduti di Borgotaro (PR), la scultura commemorativa per Plaza Italia a Barquisimeto (Venezuela) deidcata a G. Verdi, quella in terracotta, ritratto del compositore, donata dal Comune di Busseto “patria di Verdi”, al Presidente della Repubblica Francesco Cossiga, in occasione della sua visita alla città nel 1990, ora conservata al Quirinale. Molti sono i personaggi pubblici rappresentati negli ultimi anni: dal giovane intellettuale Giacomo Ulivi, vittima della Resistenza, ad Alcide Cervi, padre dei sette fratelli, dal Cardinale Antonio Samorè, Nunzio Apostolico del Vaticano, al Sindaco di Parma Lauro Grossi, dal Senatore Gino Cacchioli a Giuseppe Saragat, presidente della Repubblica. Ha eseguito importanti committenze private e proposto nel 1991 il progetto di riproduzione in copia a scopo tutelativo del patrimonio scultoreo appartenente al Giardino Ducale di Parma (unico in Europa a possedere un ciclo completo dello stesso autore, il francese G. B. Boudard) realizzandone successivamente, oltre ai restauri delle medesime, le copie della “Venere nascente dalla acque”, dell'”Apollo Citaredo” e del “Vaso monumentale a testa d’ariete” (disegno di E. A. Petitot).Oltre al rifacimento delle parti mancanti e alla riproduzione in fusione di bronzo del monumentale gruppo seicentesco “Ercole e Anteo” del fiammingo T. Wanderstuch e di proprietà del Comune di Parma, inaugurato nel 1994, ha realizzato e collocato in una piazza dell’oltretorrente cittadino la grande scultura bronzea dedicata al francescano Padre Lino Maupas, presentata solennemente in Cattedrale nel 1996 ed inaugurata nell’anno successivo. Ha presentato mostre personali e partecipato a molte altre colettive. Nelle sue opere ha saputo alternare materiali preziosi come marmi e bronzi a materie povere come terracotte e gessi, compiendo anche, in campo ceramico, sperimentazioni materico-cromatiche. L’origine della sua costante ricerca è la radice espressistico-figurativa che evidenzia nelle caratteristiche del personale modellato e del suo segno grafico. E’ presente in collezioni private, in spazi pubblici, in Italia e all’estero. Per merito artistico le sono state conferite parecchie onorificenze, fra le quali quella del Ministero dei Beni Culturali di “Accademico di Belle Arti”. Recentemente ha ricevuto tra vari premi, quello del “Tertio Millenio Adveniente”.Si è scritto su di lei su vari quotidiani e settimanali italiani e stranieri. Jucci Ugolotti vive a Parma, sua città natale.

Datazione2000
Tipomedaglia
Materialebronzo
Tecnicaconio
Editore/Stampatore/IncisoreBertozzo Medaglie - Parma
Descrizione

D/ Anepigrafo, nel campo, profilo laureato del Poeta a destra, R/ Nel campo, veduta esterna del Battistero di Parma.

Iscrizioni
dritto, nel giro in basso a destra J. Ugolotti
rovescio, nel campo ai lati verticalmente 1900 / I CENTENARIO / COMITATO DI PARMA / SOCIETA' / DANTE ALIGHIERI / 2000
MisureØ 50 mm
Peso50 gr
Note storiche-critiche

Medaglia commemorativa del I Centenario del Comitato della Società Dante Alighieri di Parma.

Inventario
2779
Conservazionebuono
Acquisizionedonazione, Comitato della Soc. Dante Alighieri di Parma, 12-03-2004
Osservazioni

Documentazione inerente l’opera è conservata nell’archivio del Centro Dantesco all’interno del prot. 86/2004.