Autore/i
(1904/1990)

È nato a S. Pietro a Sieve (FI) nel 1904. Allievo di Libero Andreotti all’Istituto d’Arte di Firenze dal 1921 al 1929, esordisce come pittore alla Biennale di Venezia. Dal 1934 decide invece di dedicarsi alla scultura. Esegue quindi la statua di Ugo Foscolo, destinata al sepolcro del poeta in Santa Croce (1935), e gli anni che seguono sono ancora ricchi di lavoro e di risultati. Apprezzato ritrattista, in seguito realizza diversi importanti monumenti. Partecipa a numerose mostre in Italia e all’estero e dal 1959 al 1974 ha la cattedra di scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze, città dove trascorre buona parte della propria vita. Negli anni Settanta e Ottanta esegue ancora molti ritratti e riceve commissioni assai impegnative. Ha firmato numerosi e significativi modelli per le medaglie e monete. È morto nel 1990.(cfr. Lorioli Vittorio, Medaglisti e incisori italiani del XX secolo, Litostampa Istituto Grafico 1995)

Datazione1980
Tipomedaglia
Materialebronzo
Editore/Stampatore/IncisoreMon Art Internazionale, Firenze
Descrizione

D/ Nel campo entro corona circolare, busto di profilo di Giacomo Manzù a destra nell’atto di modellare un ramo d’ulivo, R/ Nel campo, veduta aerea della basilica di S. Apollinare in classe, mausoleo di Teodorico, del porto e della pineta di Classe.

Iscrizioni
dritto, nel giro entro corona OMAGGIO DI MANZU' ALLA CITTA' DI DANTE -
dritto, nel campo in basso a destra A. Berti / 1980
rovescio, nel giro entro corona circolare CENTRO DANTESCO / * RAVENNA 1980 *
MisureØ 60 mm
Peso100 gr
Note storiche-critiche

Medaglia commemorativa per la Mostra “Omaggio di G. Manzù alla città di Dante” tenutasi a Ravenna nel 1980.

Bibliografia
La medaglia di Dante 1980, pp. 529-530
Donati D. 2002, pp. 476-477, n° 578
Inventario
119
Conservazionebuono
Acquisizionedonazione
Osservazioni

Lo spessore come la forma sono irregolari.