Autore/i
(1926/)

Nato nel novembre 1926 a Roma. Avviato agli studi di ingegneria civile, dopo la laurea, può rivolgersi alla sua passione per l’arte, sotto la guida dell’incisore capo della Zecca italiana, Pietro Giampaoli. Si dedica quasi totalmente alla medaglistica ed affina la sua tecnica di modellazione con lo scultore P. Morbiducci. Partecipa, nel corso degli anni, sia con medaglie fuse che coniate, alle più importanti esposizioni internazionali organizzate dalla FIDEM, alle rassegne AIAM, nonché a tutte le edizioni della Triennale della Medaglia di Udine. Dal 1958 realizza anche modelli per monete, prima per la Repubblica Italiana, poi per la Città del Vaticano e per la Repubblica di S. Marino. Considerato artista medaglista per eccellenza, si è tuttavia impegnato anche nell’esecuzione di bassorilievi, sculture, opere di pittura, vetrate e disegni. Dal 1987 ha insegnato modellazione alla Scuola dell’Arte della Medaglia di Roma. Ha tenuto anche mostre personali e ricevuto numerosi premie e riconoscimenti. Vive e lavora a Roma.(cfr. Lorioli Vittorio e Conti Paolo Fernando, Medaglisti e incisori italiani dal Rinascimento a oggi, Cooperativa grafica bergamasca 2004)

Datazione1965
Tipomedaglione
Materialebronzo
Tecnicaa fusione
Descrizione

D/ Nel campo, mezza figura del Poeta laureato a destra con libro in mano, R/ Liscio.

Iscrizioni
dritto, nel giro su due livelli E FA LA LINGVA MIA TANTO POSSENTE - CH'VNA FAVILLA SOL / DE LA TVA GLORIA - POSSA LASCIARE A LA FVTVRA GENTE
dritto, nel campo DANTE ALIGHIERI / 1265 1965
dritto, nell'esergo VEROI
MisureØ 156 mm
Peso500 gr
Inventario
295
Conservazionebuono
Acquisizionedonazione