Celebrazioni

“Messa di Dante”

Con il nome di “Messa di Dante” è comunemente conosciuta la Celebrazione Eucaristica nella quale, la seconda domenica di settembre, viene ricordato in S. Francesco di Ravenna il sommo Poeta.
È al termine di questa solenne liturgia che ogni anno la delegazione della città di Firenze, presente a Ravenna con il Gonfalone accompagnato dalle caratteristiche chiarine, rinnova l’offerta dell’olio che alimenta la lampada votiva che arde nella tomba di Dante Alighieri.

Dantis Poetae Transitus

Ricorrendo nell’anno 2005 il quarantesimo anniversario del dono che Papa Paolo VI fece di una Croce d’oro per la Tomba di Dante Alighieri, in occasione del VII Centenario della nascita, il Centro Dantesco ha proposto alla Città un evento che – mutuando il nome dal celebre poema sinfonico vocale con versi di Giulio Salvadori e musiche di Licinio Reficedi (voluto dal Comitato Cattolico Dantesco in occasione del VI Centenario della morte di Dante ed eseguito per la prima volta nella ravennate Basilica di S. Apollinare Nuovo il 13 settembre 1921) – commemorasse ogni anno la morte del “suo” Poeta, avvenuta appunto a Ravenna tra il 13 e 14 settembre 1321, «nel dì – scrive il Boccaccio nel suo “Trattatelo” – che la esaltazione della santa Croce si celebra dalla Chiesa» (14).
La manifestazione è promossa dall’Archidiocesi di Ravenna-Cervia e dal Comune di Ravenna su iniziativa del Centro Dantesco.

  • 2005: Prima edizione
    Nel quarantennale del dono di Papa Paolo VI della Croce d’oro per la tomba del sommo Poeta
  • 2006: Seconda edizione
    con l’intervento di S.E. Mons. Luigi Negri, vescovo di S. Marino-Montefeltro, sul canto XXV del Paradiso
  • 2007: Terza edizione
    con l’intervento di S.E. Mons. Luciano Monari, amministratore apostolico di Piacenza-Bobbio, vescovo eletto di Brescia e vice-presidente della Conferenza Episcopale Italiana, sul canto XXVI del Paradiso
  • 2008: Quarta edizione
    con l’intervento di S.E. Mons. Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa, sul canto X del Paradiso
  • 2009: Quinta edizione
    con l’intervento del prof. Stefano Zamagni, ordinario di economia politica all’Università di Bologna, sul canto XI del Paradiso
  • 2010: Sesta edizione
    con l’intervento di P. Marco Rainini, Docente presso l’Università cattolica di Milano, sul canto XII del Paradiso
  • 2011: Settima edizione
    con l’intervento di Piero Coda, teologo, sul canto XXXIII del Paradiso: “L’effige dell’uomo nella luce di Dio”
  • 2012: Ottava edizione
    con l’intervento di Mons. Marco Frisina, Direttore della Pontificia Cappella musicale Lateranense a Roma ed esperto dantista sul tema: “La forma qui del pronto creder mio” (Par. XXIV, 128)
  • 2013: Nona edizione
    Dantis Poetae TRANSITUS Riflessione di Mons. Giuseppe Lorizio, Prof. di Teologia fondamentale presso la Pontificia Università Lateranense. In occasione dell’anno della fede verrà approfondito il tema: “…fede è sustanza di cose sperate / e argomento de le non parventi;” (PD XXIV, 64-65).
    Brani musicali eseguiti dalla “Cappella musicale della Basilica di S. Francesco”.
  • 2014: Decima edizione
    Dantis Poetae Dantis Poetae Conferenza “Libertà va cercando”, La misericordia di Dio nell’antipurgatorio, di Dott. Gregorio Vivaldelli, Ordinario di Sacra Scrittura presso lo Studio Teologico di Trento Musiche della Cappella musicale della Basilica di San Francesco di Ravenna, diretta dal Maestro Giuliano Amadei.
  • 2015: Undicesima edizione
  • 2016: Dodicesima edizione
  • 2017: Tredicesima edizione
  • 2018: Quattordicesima edizione
    Dantis Poetae Transitus: Riflessione di Gianni Vacchelli, narratore e docente, sul tema: L’attualità di Dante: la denuncia del regno della lupa”. Lettura del primo canto dell’Inferno di Alessandro Sorrentino. Ricordo della morte di Dante dal “Trattatello” del Boccaccio. Commento musicale della Cappella musicale di San Francesco.
  • 2019: Quindicesima edizione
    Ravenna, “Chiesa di Dante” (San Francesco), ore 21 Nel mezzo del cammin di nostra vita… Riflessioni a partire dal primo canto dell’Inferno del Cardinale Gualtiero Bassetti, Arcivescovo metropolita di Perugia-Città della Pieve, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Presentazione del canto a cura di Giuseppe Ledda, Università degli studi di Bologna Leggerà il canto I dell’ Inferno e il Trattatello Franco Costantini. Nel corso della serata il coro e l’orchestra della Cappella Musicale della Basilica di San Francesco di Ravenna diretta da Giuliano Amadei eseguirà alcuni brani dal Requiem di Domenico Cimarosa (1749-1801) e il Te Deum di Baldassarre Galuppi (1706-1785)
    Locandina

Attività

Primo piano

CONCORSI

Video