Autore/i
(1921/notizie 1981)

Nata nel gennaio del 1921. Medaglista, allieva di Guerrino Mattia Monassi, si è impegnata anche nella pittura e nella grafica, e si è dedicata per molti anni all’insegnamento. E’ stata presidente dell’Associazione Medaglistica Esaltazioni Storiche e della Fondazione Artistica “G. Monassi”. Ha partecipato a numerose esposizioni in Italia e all’estero, tra le quali quelle dell’AIAM e della FIDEM. Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private.(cfr. Lorioli Vittorio e Conti Paolo Fernando, Medaglisti e incisori italiani dal Rinascimento a oggi, Cooperativa grafica bergamasca 2004)

Denominazione/TitoloChiaro di luna a Gradara
Datazione1974
Tipomedaglia
Materialebronzo
Editore/Stampatore/Incisore
Descrizione

D/ Nel campo, figura maschile e femminile (Paolo e Francesca) nell’atto di baciarsi, sullo sfondo bifora gotica e tende di cui quella di destra e retta da figura maschile, R/ Anepigrafo, nel campo veduta di castello intorno luna, in basso rosa.

Iscrizioni
dritto, nel campo in alto a sinistra GRADARA
dritto, in basso RONDINI
MisureØ 58 mm
Peso70 gr
Inventario
2803
Conservazionebuono
Osservazioni

Il castello rappresentato sul retro della medaglia dovrebbe essere quello di Gradara (RN) dove legenda vuole sia avvenuta la tragedia di Paolo e Francesca descritta da Dante nel canto V dell’Inferno.